venerdì, luglio 05, 2013

F35 e Costituzione

Il Presidente della Repubblica, ricordo ai lettori meno attenti,

[...] è il capo dello Stato italiano e rappresenta l'unità nazionale, come stabilito dalla Costituzione italiana entrata in vigore il 1º gennaio 1948. Il presidente della Repubblica è un organo costituzionale eletto dal Parlamento in seduta comune, integrato da rappresentanti delle regioni (tre per ognuna, ad eccezione della Valle d'Aosta, che ne ha uno solo, per un totale di 58) e dura in carica per sette anni.
[...]

inoltre mi sembra il caso di riportare l'articolo 11 della Costituzione della Repubblica Italiana che recita quanto segue:

L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.


alla luce di quanto sopra, lascio ai lettori ogni commento sulle dichiarazioni che seguono.

------------------------------------------------------------

Napolitano: il Parlamento non può porre veti all'Esecutivo.
Consiglio di difesa: sugli F35 decide il Governo

«La facoltà di sindacato delle commissioni parlamentari «non può tradursi in un diritto di veto su decisioni operative e provvedimenti tecnici che, per loro natura, rientrano tra le responsabilità costituzionali dell'esecutivo». È quanto si legge in una nota diffusa dal Quirinale al termine della riunione del Consiglio supremo di Difesa presieduto da Giorgio Napolitano. [...]


da il Sole24ore on line *

Nessun commento: