domenica, dicembre 11, 2011

presidenziali Usa 2012


negli Usa i candidati per le prossime elezioni stanno già partecipando a dibattiti e incontri per decidere chi sarà il loro rappresentante per la corsa alla Presidenza nel 2012.
Ho seguito alcuni di questi incontri e ho visto alcune delle interviste e posso assicurare che per il bene degli Stati Uniti, e del pianeta tutto, spero che siano di nuovo i Democratici a sedere alla Casa Bianca.
Tra i Repubblicani i possibili successori allo studio ovale sono infatti un gruppo di persone che hanno fatto di tutto per dimostrare la loro inadeguatezza alla carica che vorrebbero ricoprire.
A parte Herman Caine (ora ritiratosi) nella memorabile l'intervista in cui non aveva alcuna idea in merito alla questione libica (senza omettere il numero in continua crescita di denunce per abusi sessuali raccolte ndr), anche la dimenticanza del suo stesso programma da parte di Rick Perry durante un incontro per la campagna elettorale non sembra un bell'esempio di lucidità e capacità decisionale.
Poi c'è Michelle Bachmann che è una fonte di dichiarazioni non sempre condivisibili. Tra le tante "apprezziamo tutte le culture ma sapete una cosa? non tutte le culture sono uguali!" oppure "i francesi stanno perdendo la loro cultura perché stanno diventando un paese mussulmano."
E infine Newt Gingrich, il nuovo front runner dei GOP, ha invece pensato bene di dichiarare che: "I Palestinesi sono un popolo inventato."

God bless America.

qui Herman Caine e la Libia.
qui Rick Perry e la dimenticanza del suo programma in piena campagna elettorale.
qui Michelle Bachmann e una serie di dichiarazioni imbarazzanti.
qui Newt Gingrich sui palestinesi "inventati".


AGGIORNAMENTO:
per Newt Gingrich i Palestinesi da popolo "inventato" sono diventati "terroristi che insegnano ad agire i loro bimbi come terroristi nelle scuole" durante il dibattito a Des Moines, Iowa del 10 dic 2011.
da le Monde * on line
dal Guardian * on line

Nessun commento: