domenica, marzo 07, 2010

regole fluide?

commentare la situazione in cui siamo a livello istituzionale è molto difficile.
sempre di più si sta delineando un modo di governare che fatica a rispettare le regole fondamentali con il pericolosissimo rischio di deviazioni dal corso democratico di un paese che stenta a reagire all'impasse.
Andare contro la Costituzione (art 72) con il bene-placido di questo presidente della repubblica ha di fatto detto che le regole valgono solo per noi.
I padri costituenti hanno scritto le regole nella Costituzione e le hanno considerate tanto fondamentali da aver previsto che non possano essere cambiate con maggioranze semplici proprio per evitare quanto siamo costretti a registrare in questi giorni.
Invece adesso scopriamo che si vorrebbe cambiare la Costituzione addirittura con un decreto interpretativo.

mah..

qui di seguito riporto parte del commento della direttrice de l'Unità sulla faccenda.
la versione integrale del commento la trovate nel link in fondo al post

-----------------------------

Umiliati gli onesti

Il partito del fare e del malaffare, del fare un po' come gli pare - dell'abuso e del condono, del sopruso e del perdono, della cricca che sono - ha digrignato i denti e sfoderato braccia tese, ha minacciato mostrando la bava, «non ci fermeremo davanti a niente», poi ha fatto la voce sottile e il pianto da vittima quando del danno era artefice....

continua...

qui continua il commento di Concita su l'Unità on line

Nessun commento: