lunedì, novembre 30, 2009

"Figlio mio, lascia questo Paese"

riporto parte della lettera che Guido Carli, direttore generale della Libera Università Internazionale degli studi sociali (Luiss).
tristemente realistica..

-----------------------------

LA LETTERA. Il direttore generale della Luiss
avremmo voluto che l'Italia fosse diversa e abbiamo fallito
"Figlio mio, lascia questo Paese"
di PIER LUIGI CELLI


Figlio mio, stai per finire la tua Università; sei stato bravo. Non ho rimproveri da farti. Finisci in tempo e bene: molto più di quello che tua madre e io ci aspettassimo. È per questo che ti parlo con amarezza, pensando a quello che ora ti aspetta. Questo Paese, il tuo Paese, non è più un posto in cui sia possibile stare con orgoglio.

Puoi solo immaginare la sofferenza con cui ti dico queste cose e la preoccupazione per un futuro che finirà con lo spezzare le dolci consuetudini del nostro vivere uniti, come è avvenuto per tutti questi lunghi anni. Ma non posso, onestamente...

continua

------------------------


qui la versione integrale della lettera del direttore generale della Luiss da la Repubblica on line

Nessun commento: