domenica, ottobre 11, 2009

dal Belgio una nuova svolta epocale

ogni tanto scopro qualche notizia che mi rassicura: la demenza non è patrimonio esclusivo italiano.
su la Repubblica trovo questa foto gallery che testimonia l'elezione di Miss Senza Casa in Belgio acclamata dal pubblico e intervistata dai rappresentanti dei media su un palco.
La selezione ha tenuto conto delle varie situazioni dei partecipanti al concorso e ha scelto Therese Van Belle di 58 anni.
L'aver vinto il premio le darà il diritto ad un appartamento in affitto gratuito per un anno e ad un aiuto per trovare un impiego stabile.
Nelle foto la sua faccina sembra un poco disorientata davanti agli obbiettivi ma questo non ha fermato lo show.

Un futuro poco rassicurante potrebbe portare un fiorire di concorsi per l'assegnazione, ad esempio, di una casa popolare, con copertura dei media assicurata, alla Grande Fratello..
E magari poi si troverebbe spazio sui palinsesti con un programma fatto ad hoc in prima serata sulle reti nazionali che faccia recuperare le spese attraverso qualche sponsor..

Preoccupante il pensiero che un format di questo tipo potrebbe avere applicazioni infinite: una formula utilizzabile - in mano a personaggi senza scrupoli - per la consegna delle case dopo il terremoto, o dopo una disgrazia qualunque..


ovvero: come banalizzare mediaticamente un dovere civico e cartolizzare la privacy di chi ha sofferto.

presto in onda?

mah..

------------------------------------

qui il link per la foto gallery da la Repubblica.it on line

Nessun commento: