martedì, giugno 30, 2009

monito del Presidente della Repubblica

basta polemiche fino al G8, chiede Napolitano.
per non disturbare la quiete dei preparativi e l'opera dei partecipanti all'incontro.
peccato che le polemiche di cui trattano i pochi media nazionali rimasti almeno un poco autonomi riguardino l'atteggiamento antidemocratico del capo dell'esecutivo, di cui i capi delle delegazioni estere che parteciperanno al G8 sono più informati di noi potendo contare su una stampa libera.

mah..

----------------

qui la versione web della notizia da l'Unità on line

Giotto o non Giotto

davvero un segno dei tempi..
perchè ostinarsi a negare un'ipotesi quando il dubbio parte da un Premio Nobel?
e poi.. cosa c'entra la curia?
non concede la piazza di Assisi per realizzare il monologo di Dario Fo?
e lo si faccia su una "zona laica" - nel senso che non dipenda dalle fantasie clericali la concessione o meno dello spazio - della cittadina..
ah.. notare bene che la piazza sarà concessa per un concerto di musica leggera, il 12 giugno..
logiche teologiche oscure ai non addentro al baciapilismo

e complimenti anche ai cittadini di Assisi che preferiscono "lasciare intatta l'illusione.." e "che tanto i pellegrini non se ne accorgono nemmeno"..
dei geni..
troppi gli esempi di interpretazioni della realtà, ultimamente
ha ragione Fo quando parla di segno dei tempi..

mah..

------------------------------

qui il link per la versione web della notizia da La Stampa on line

domenica, giugno 28, 2009

Incontri preoccupanti

"Il 6 ottobre ci sarà l'udienza della Corte Costituzionale sul Lodo Alfano, ma intanto è già polemica dopo la notizia di una cena riservata del premier e del ministro Alfano a casa del giudice costituzionale Luigi Mazzella. Alla serata hanno partecipato un altro componente dell'Alta Corte Paolo Maria Napolitano, oltre a Gianni Letta e al presidente della commissione affari costituzionali Carlo Vizzini..."

continua

così inizia questo articolo da l'Unità on line..
che descrive un preoccupante incontro tra due parti interessate di un procedimento che, per correttezza, forse non dovrebbero avere contatti prima della fine del procedimento.

in un paese altro dall'Italia..

(ah.. escludo le non democrazie..)

mah..


ps: notizia che compare poco sui media..
---------------------

qui il link per la versione web ed integrale dell'articolo originale da l'Unità on line

martedì, giugno 23, 2009

elettricità per tutti, eolica..

Sulla rivista dell'Accademia Americana delle Scienze Pnas, mr Michael McElroy, docente della School of Engineering and Applied Sciences alla Harvard University di Boston, ha pubblicato un documento (che troverete in pdf come link nell'articolo originale), nel quale dichiara che si può ricavare abbastanza energia - sfruttando l'eolico - da soddisfare il fabbisogno di elettricità di tutto il pianeta.
e che ne avanzerebbe pure...

qualcuno potrebbe disegnare una striscia a fumetti per spiegare questo articolo sulla possibilità di fare funzionare tutto il pianeta con una serie di pale eoliche così che anche i cerebro lesi che parlano di costruire le centrali nucleari in Italia riescano a capirne il significato, per favore..
e mettiamoci anche qualche pin up nel fumetto..
sembra che aiuti un certo modo di far politica in Italia oggi..

grazie

------------------------------------

qui il link per la versione web dell'articolo comparso sul Corriere della Sera on line

Movimenti per l'acqua

Consegnate al Comune di Torino 12.085 firme per la proprieta' e gestione pubblica dell'ACQUA
Comunicato Stampa del FORUM ITALIANO DEI MOVIMENTI PER L'ACQUA - COMITATO ACQUA PUBBLICA TORINO

Il 18 giugno 09 il Comitato Acqua Pubblica di Torino ha consegnato al Comune 12.085 firme di cittadini torinesi a sostegno della deliberazione di iniziativa popolare per inserire nello Statuto della nostra citta' il principio che l'acqua e' un bene comune e non una merce, e che pertanto:
- il servizio idrico integrato non ha scopo di lucro,
- la proprieta' della rete di acquedotto e distribuzione e' pubblica e inalienabile,
- la gestione e' attuata esclusivamente mediante enti o aziende interamente pubbliche,
- a ogni cittadino e' assicurato gratuitamente un quantitativo minimo vitale d'acqua al giorno.

E' in corso anche la raccolta firme per la presentazione di un'analoga proposta di modifica dello Statuto della Provincia di Torino, ente che ha una parte importante nelle scelte sulla gestione delle risorse idriche.

Crediamo che non esista un precedente di così vasto coinvolgimento popolare alla politica istituzionale nella nostra citta'. I torinesi si sono avvalsi degli strumenti di partecipazione previsti dal Regolamento comunale che stabilisce in almeno 5.000 le firme necessarie, da raccogliere in quattro mesi, per presentare una deliberazione di iniziativa popolare. Averne raccolte piu' del doppio, senza neppure arrivare alla scadenza dei termini, e' segno della diffusa sensibilita' civica verso un bene comune come l'acqua, e di una volonta' comune che la sua proprieta' e gestione siano pubbliche.

I 4 mesi di raccolta firme sono stati una grande occasione di dialogo e confronto: ai tavoli raccolta firme il sabato e domenica in piazza San Carlo e in via Garibaldi, si sono aggiunti i luoghi piu' disparati: dai marciapiedi di fronte a grandi aziende, ai mercati rionali, ai parchi, ai circoli culturali e ricreativi, alle botteghe del commercio equo e solidale, ai singoli cittadini/e che si sono autonomamente attivati per sostenere l'obiettivo comune: ritornare alla gestione del nostro acquedotto con un'azienda di diritto pubblico. Questa e' la garanzia, anche per il futuro, che la nostra azienda idrica non venga ceduta ne' in tutto ne' in parte ai privati.

Tocca ora al Consiglio Comunale e ai Consigli di Circoscrizione prendere atto della volonta' popolare e quindi approvare la deliberazione nel testo proposto.

Il Comitato Acqua Pubblica Torino seguira' passo passo l'iter della deliberazione e ne terra' al corrente i cittadini nelle forme gia' sperimentate con i tavoli raccolta firme. Si e' infatti dimostrato che, malgrado il silenzio dei grandi organi d'informazione sulla nostra iniziativa, le notizie hanno circolato diffusamente in citta' grazie ai mezzi elettronici, potenti amplificatori del passa parola e della volonta' di partecipazione dei torinesi.


Torino, 18 giugno 2009

Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua
Comitato Acqua Pubblica Torino
Via Mantova 34
10153 Torino
(presso il circolo Arci Caffe' Basaglia)
www.acquapubblicatorino.org

qui il link per il sito di www.acquapubblicatorino.org on line

lunedì, giugno 22, 2009

referendum e ballottaggio

niente di fatto per il referendum, purtroppo..
il ballottaggio a Torino fa vincere il centro sinistra ( anche se ha dovuto fare degli apparentamenti poco consoni come quello con l'UDC - dove la C sta per Cuffaro)

invece niente quorum per il referendum..

sconcertanti le dichiarazioni del braccio verde del nano..
"ho già dato mandato ai miei avvocati di denunciare tutti coloro che riportato il mio invito a non andare a votare per il referendum"

speriamo ci risparmi l'abitudine alle smentite del suo padrone..

imbarazzante - per chi ha ancora raziocinio - come la magistratura sia "utile" quando deve proteggere i loro interessi e "deviata" quando gli va contro..

sabato, giugno 20, 2009

domani il Referendum..

pochissima informazione sui media, sia cartacei che digitali, per ricordare agli italiani che domani, oltre che per i ballottaggi, si vota per il referendum.
io andrò a votare se non altro perché molti dei personaggi politici che non gradisco dicono di non farlo.
e penso anche di votare 3 si.
i primi due perché i pericoli di cui parla chi consiglia di votare no e parla di legge truffa, ha le idee poco chiare.
per due motivi: il primo è esiste già un premio di maggioranza per chi vince le elezioni.
il secondo è che, dopo un assestamento fisiologico del sistema, ci troveremmo con 2 partiti e nessuna scusa (tipo listoni che si sfasciano, partitini che ricattano le coalizioni ecc.. storia quotidiana in questo martoriato paese ndr) per non mettere in atto quanto promesso nel programma presentato prima di essere eletti.
il terzo si, quello che abrogherà le candidature multiple, cioè quel meccanismo che permette agli squali della politica di presentarsi in varie località, già sapendo che non potranno che accettare una nomina, con l'evidente privilegio di scegliere chi dovrà sostituirlo negli altri collegi, mi sembra assolutamente auspicabile.

e speriamo bene..

--------------------------------


qui il link per l versione web della notizia da l'Unità on line

martedì, giugno 16, 2009

Franceschini e gli altri

prima delle elezioni assicurava tutti che a ottobre il suo mandato finiva.
e ha chiesto agli italiani di votare a sinistra per fermare il Pdl (non proponendo un programma - troppo complicato - ma in nome della salvaguardia democratica).
ora, con una lucidità che è rimarchevole, vuole rimanere.
e il Walter lo appoggia (non era scomparso? e perché è tornato?)
e il Baffino continua a stare lì, attaccato alla poltrona..
e insieme a lui tutti gli altri dinosauri/e.

rinnovamento? cosa vuol dire questa parola..
trattasi di lemma che non compare sul dizionario della sinistra.

ovvero come si continua a non ascoltare gli elettori e fare hara kiri.

complimentoni per l'acume politico e il lavoro svolto al servizio del paese..

--------------------

qui il link per la spettacolare lista di pretendenti al trono dei DS da l'Unità on line

lunedì, giugno 15, 2009

Valentino Rossi vs Jorge Lorenzo - Catalunya 2009




per chi era in piedi sul divano e volesse rivedere i numeri di altissima scuola a cui abbiamo assistito ieri durante il GP di Catalunya..
only one number one.
vai Vale!!!

sabato, giugno 13, 2009

"La morale dei sultani" di Concita De Gregorio

riporto qui di seguito il mio commento, pubblicato sulle pagine web de l'Unità, all'editoriale "La morale dei sultani" (che vi invito a leggere..) della direttrice Concita De Gregorio.

qui il link per l'editoriale da l'Unità on line
------------------------------

commento:

qgl 13/06/2009 14:14

lo sdoppiamento della realtà, una vissuta, l'altra indotta dai media, ha questi risultati sulla società italiana. Da una parte chi ha deciso di non avere limiti di sopportazione per convenienza e dall'altra chi invece ha capacità critiche e autonome. il problema è che solo con la spinta della seconda si nutre la pianta di difficile crescita che si chiama democrazia. Perchè si sbaglia chi pensa che la vita ricominci tutti i giorni, e che l'unica cosa importante è il presente. La vita è un continuum spazio-temporale.

da La Democrazia in America di Alexis deTocqueville

libro 2 capitolo 1
.. I partiti sono un male inerente ai governi liberi, ma non hanno in tutti i tempi lo stesso carattere e gli stessi istinti...
... Io chiamo grandi partiti quelli che badano più ai principi che alle conseguenze, alle generalità più che ai casi particolari, alle idee più che agli uomini. Questi partiti hanno in genere lineamenti più nobili, passioni più generose, convinzioni più salde e procedimenti più franchi e arditi degli altri. L'interesse particolare, che ha pur sempre la sua parte nelle passioni politiche, è in essi più abitualmente nascosto sotto il velo dell'interesse pubblico, e talvolta riesce anche a celarsi alla vista di quegli stessi che agiscono sotto la sua spinta. I partiti piccoli, al contrario, sono in generale senza certa fede politica, non essendo sostenuti da grandi obbiettivi, hanno un carattere egoistici che si manifesta in ogni loro azione: si entusiasmo a freddo, sono violenti nel linguaggio, timidi e incerti nell'azione; impiegano mezzi puerili per gli scopi che si propongono....

-----------------

piccola riflessione su questo brano:
e quando i partiti grandi si comportano come i partiti piccoli, come si devono giudicare?

venerdì, giugno 12, 2009

giovedì, giugno 11, 2009

Italia Africa

da quanto riporta questo articolo, non stiamo pagando quanto avevamo accettato di pagare per gli aiuti africani.
nonostante non ci sia più la crisi economica e tutti noi italiani abbiamo solo l'imbarazzo per le vacanze estive tra affittare lo yacht in Sardegna o alle Maldive, si potrebbe dedurre da certe dichiarazioni sui quotidiani o in tv..
e Gates e Geldof si chiedono come sia possibile conciliare la nostra realtà di morosi con la presidenza del G8..


mah..

------------------------------

qui il link per la versione web dell'articolo da il Corriere della Sera on line

lunedì, giugno 08, 2009

Cicerone contro Catilina.. 63 aC

(Da Cicerone, Orazione I contro Catilina (1-3))

"" Fino a quando abuserai tu, o Catalina, della nostra pazienza? Quando cesseremo noi di essere oggetto del tuo furore? Quando avrà fine cotesta tua sfrenata audacia? Nessuna impressione ti hanno fatto il presidio notturno al Palatino, e le sentinelle che vigilano nella città, ed il sospetto del popolo, ed il concorso di tutti i buoni, e la sede del Senato quanto mai difesa, e l'aspetto ed il volto di tutti costoro che ti stanno attorno? Non ti avvedi che le tue trame sono scoperte? Non vedi che quanti sono qui è palese e manifesta la tua congiura? E credi che alcuno di noi ignori ciò che hai fatto nella notte passata e nell'antecedente ed in qual luogo sei stato, con chi ti sei radunato e che cosa abbiate deliberato ?

O tempi, o costumi! Queste cose il Senato le sa, il console le vede; e tuttavia costui vive! Anzi se ne viene in Senato, partecipa ad un consiglio pubblico, e nota e segna coll'occhio ciascheduno di noi, quasi vittime al macello! E noi, uomini forti, ci crediamo appena in diritto di scansare il furore e le armi di costui! Alla morte, o Catalina, bisognava già da lungo tempo condannarti per ordine del console; rivolgendo su di te la rovina che continui a macchinare contro di noi.

Un tempo in questa nostra repubblica vigeva la sana consuetudine che gli uomini valorosi perseguitassero con maggiore intransigenza un cittadino pericoloso, che non un grande nemico. Ed anche ora noi abbiamo contro di te, o Catalina, una deliberazione del Senato severa e grave; chè non manca il consiglio alla repubblica, nè manca l'autorità di far eseguire l'ordine che ti riguarda. Noi soli, lo dico apertamente, noi soli consoli manchiamo.

Chè, mentre esiste contro di te un tal decreto del Senato, pel quale tu, o Catilina, dovresti senz'altro essere tratto a morte, esso rimane chiuso là dove è scritto, quasi spada nel fodero. Cosicchè tu vivi ancora, e vivi non già per deporre la tua audacia, ma per accrescerla.

In Italia, e precisamente nell'Etruria, è raccolto un esercito armato contro la repubblica; cresce di giorno in giorno il numero dei nemici di essa; ed il loro capo noi lo vediamo qui entro le mura cittadine, non solo, ma addirittura in Senato, dove sta macchinando ogni giorno sempre nuove, trame contro lo Stato! Se mi deciderò, o Catilina, ad ordinare che tu sia arrestato ed ucciso, credo veramente che tutti i buoni diranno avere io tardato troppo a fare ciò che dovevo, piuttosto che accusarmi di crudeltà.

Gli è che una ragione ancora mi trattiene dal fare ciò che già dovrebbe esser fatto. Io ordinerò la tua morte quando non si potrà più trovare nessuno così perverso e tristo e simile a te, che non riconosca ciò esser stato fatto di pieno diritto. Finché vi sarà alcuno che osi difenderti tu vivrai: ma vivrai così come ora vivi, talmente circondato da molte e sicure mie guardie, che ti sia impossibile far nulla contro la repubblica. E molti altri ancora, senza che tu te ne accorga, ti spieranno, come finora hanno fatto, con l'occhio e l'orecchio.

Che altro aspetti dunque, o Catilina, se né la notte con le sue tenebre può celare le tue scellerate radunanze, né le pareti della tua casa possono impedire che si diffonda il rumore della tua congiura? Se ogni cosa è risaputa chiaramente? Deciditi, credi a me, a cambiare l'animo tuo; non pensare più a fare stragi né a suscitare incendi. Tu sei preso da tutte le parti; tutto ciò che tu pensi è per noi più chiaro che la luce del sole. ""

Da CICERONE Orazione I contro L. Catilina (1.-3) (Paravia)


------------------------------

da leggere e diffondere.. i classici che tornano in auge...

elezioni europee 2009

vediamo cosa succede adesso che abbiamo votato..

--------------------------

qui il link per un interessante e completo "speciale elezioni europee" (con risultati in tempo reale per tutti i paesi dell'unione) da la Repubblica.it on line

domenica, giugno 07, 2009

perenzione amministrativa?

un altro dei segnali che spiegano il motivo per cui il ministro delle finanze era stato etichettato in Europa come l'inventore della "finanza creativa".
l'occasione ci viene dalla neonata "perenzione amministrativa", cioè l'istituto attraverso il quale i soldi dati alla ricerca tornano nelle casse dello stato senza tener conto dei tempi tecnici di sviluppo di una ricerca.
così tutti i progetti di ricerca che durano più di 3 anni, si vedono scomparire i fondi e si fermano.
ennesima prova che qualcosa non funziona nel paese.
ennesima prova della chiusura mentale di chi ci governa.

aspettiamo di scoprire, stasera, se sono più i dipendenti o i cittadini in questo martoriato esempio di democrazia in pericolo che è l'Italia di oggi..

mah...

------------------------------------------

qui il link per la versione web dell'articolo di Raphael Zanotti da La Stampa on line

venerdì, giugno 05, 2009

innocenti evasioni da El Pais

nel caso aveste perso l'opportunità di vedere l'oggetto del contendere di questi giorni in un'Italia in pieno clima da "reality flop/regime" qui il link per le foto da El Pais..

memori delle passate esperienze, aspettiamo dichiarazioni pesanti (speriamo non si spingano fino a dichiarare guerra alla Spagna per lesa maestà/santità ndr) sui media italici.
attenzione perchè potrebbero non accontentarsi di riportare un complotto delle sinistre a livello internazionale (concetto ormai superato.. come quello della crisi finanziaria ndr)..
arriveranno alla minaccia cosmica?
non è ancora dato sapere ma propongo il titolo per il programma di Rai 1 appositamente creato:
"Anche su Marte (notoriamente il pianeta rosso ndr) i giornali della sinistra Interplanetaria (naturale evoluzione dell'Internazionale ndr) attaccano l'unto del signore.
Le truppe verdi e le famigerate crocero-veline parlamentari della brigata Papi già in orbita per spezzare le reni al nemico"

povera Italia..

ps:da ricordare per le elezioni.

psps: possibile che con un avversario così l'opposizione non trovi di meglio che chiedere agli elettori di andare a votare per non lasciare il paese nelle mani di questo signore?
perchè non hanno firmato per l'impeachment?
no comment, ma anche questo... da ricordare per le elezioni (2)

martedì, giugno 02, 2009

Staino su l'Unità

la manovra internazionale...

siamo alla "manovra internazionale contro di me"..
al complotto tra poteri stranieri per farlo cadere..

sconcertante realizzare che il dubbio di essere veramente e giustamente il destinatario di tante critiche neanche viene preso in considerazione né da lui né dalla claque che lo sostiene

chissà che faccia faranno adesso che vanno sotto il 15% alle elezioni..

mah..

ps: non sentite odore di Raphael nell'aria?

-----------------------

qui la versione web della notizia da la Repubblica on line