venerdì, maggio 01, 2009

l'Italia senza libertà

ho pensato di riportare subito una notizia che è senza dubbio destinata a scomparire prestissimo dai media.
la Freedom House, un'organizzazione non-profit e indipendente fondata negli Stati Uniti nel 1941 per la difesa della democrazia e la libertà nel mondo, la cui prima presidente fu la Eleanor Roosevelt, informa che l'Italia, unica in Europa, fa un passo indietro nella classifica della libertà di espressione, causa la situazione anomala dei media italiani tutti sotto il controllo di una sola persona.
indovinate chi?
bravi, è proprio il papi re.


ah, fantastica la dichiarazione di Baffino ieri riportata dai media nella quale si dichiara l'unico ad aver tentato di frenare il conflitto d'interessi.
ovviamente dimenticando che fu proprio il PCI a permettere la nascita delle legge Berlusconi ( qui la dichiarazione di ieri), garantendo il numero legale con cui il decreto diventò legge, rinunciando all’ostruzionismo nonostante la scadenza del decreto a poche ore dalla discussione parlamentare che avvenne in aula il 4 febbraio del 1985..

sono proprio una bella banda..
alla settimana della democrazia appena conclusasi qui a Torino, molte relazioni parlavano di un periodo storico, quello attuale italiano, che potrebbe essere etichettato come nascita della post-democrazia..
e mi trovano d'accordo.

presto altre elezioni..
vediamo i risultati..

-----------

qui il link per il sito di Freedom house on line

Nessun commento: