venerdì, aprile 24, 2009

Vauro is back!




ringraziamo Annozero per aver riportato uno dei più bravi vignettisti italiani in tv

--------------------
qui trovate la vignetta da La Stampa on line di oggi, tratta direttamente (vedi logo in alto a dx) dalla trasmissione di Rai 2

lunedì, aprile 20, 2009

lodo alfano per managers

quest'articolo di Massimo Franchi su L'unità ci parla dei rischi insiti nel nuovo decreto correttivo, anzi in una norma di esso, presentato alle Camere dalla cricca del re, che eviterebbe, ad esempio, ai managers Thyssen (quelli della strage qui a Torino dell'anno scorso ndr) la probabile condanna per strage che gli imputano i giudici, perché mette al riparo i vertici di tutte le aziende dalle responsabilità su tutti gli infortuni sul lavoro.

complimenti, bel lavoro..
proprio una norma di grande respiro, sicuramente partorita da qualche genio della maggioranza ( si, della maggioranza della Confindustria ndr) essenziale per portare il BelPaese agli standard del Bangladesh in quanto a tutela dei lavoratori..

mah..

--------------------------------

qui trovate l'articolo dal'Unità on line

Il Comune paga il dentista a chi ha un reddito basso

grazie ad un accordo fatto con l'Associazione nazionale dentisti italiani, il Comune di Torino sarà la prima città d'Italia a fornire cure odontoiatriche gratis a chi potrà esibire la social card o il modello Isee.
un segnale concreto per venire incontro ai bisogni della gente.
bravi.

----------------------------------------

qui la versione web della notizia da La Stampa on line

G20: Ministri al cesso, Berlusconi nomina

domenica, aprile 19, 2009

le casette antisismiche del 1915 in Abruzzo..

interessante scoperta quella delle casette asismiche che il Re ( quello vero ndr) aveva fatto costruire per dare un riparo alla popolazione della zona dopo il terremoto del 1915. e che hanno retto anche a questo terretmoto, avvenuto a quasi 100 anni di distanza.
nell'ultimo secolo però i palazzinari di zona hanno preferito dimenticare che la zona è sismica e hanno costruito al risparmio, senza preoccuparsi di cosa costruivano.
e chi doveva controllare ( visto che ormai sembra sia solo una questione di controlli, la coscienza è un optional che non va più..) non lo ha fatto.
Altro interessante particolare: le casette antisismiche avrebbero dovuto essere sostituite da edilizia abitativa permanente ma c'è gente che vive ancora in quelle casette senza avere avuto possibilità di entrare nelle nuove case promesse.
promesse quasi un secolo fa..


-----------------------------


qui la versione web della notizia e una serie di foto da il Corriere delle Sera on line

martedì, aprile 14, 2009

referendum 21 giugno



tra ultim'ora e aggiornamenti sullo share delle disgrazie, sembra sia rimasto poco spazio ai media per informarci sulla querelle tra le due maggiori forze politiche italiche sulla data dei referendum.
Accorparle alle elezioni europee avrebbe fatto risparmiare 400 milioni di euro, più dell'importo riservato alla social card (poi non realmente erogati ndr) e che potrebbe essere ridistribuito a chi ne ha bisogno, siano essi terremotati o poveri economicamente.
Troppo pratico, intelligente, saggio accorpare le votazioni, sembra dire l'esecutivo.
Meglio sperare che la gente non vada a votare al referendum, che non si raggiunga il quorum che cancelli la legge "porcata" che porta il nome di quell'uomo dallo sguardo vuoto, Calderoli.

E così non si trova una riga per spiegare il referendum su uno solo dei mezzi di comunicazione di massa che influenzano l'opinione pubblica.
strano..

dobbiamo fare in modo che la legge porcata sia cancellata.
è molto importante per il nostro sistema paese avere più trasparenza su quanto succede nelle sedi dei partiti, siano esse corti monarchiche o stallaggi.

------------------------------


qui il sito del refendum on line

venerdì, aprile 10, 2009

polizze moto: la folle corsa dei prezzi!

così titola questo articolo sull'ennesimo abuso da parte delle assicurazioni. molte, troppe, volte trovate colpevoli di aver costituito "cartelli" (gruppi di aziende unite da accordi ufficiosi ma reali) con politiche comuni di adeguamento e aumenti concordati dei prezzi contravvenendo al principio di concorrenza che dovrebbe governare il mercato assicurativo.
bisognerebbe aumentare le pene contro la formazione dei "cartelli" per disincentivare scorrette derive di mercato - con conseguente danno per i consumatori,al solito..
certo con questo esecutivo sarà difficile..
ma mi sa che anche con un altro esecutivo (almeno tra i "figuri" tra cui possiamo scegliere ad oggi ndr)la situazione sarebbe simile


testimonianza personale: l'anno passato ho deciso di fare l'assicurazione per tutto l'anno, invece che temporanea, per approfittare del bonus malus.
l'assicurazione è una delle telefoniche che comincia con la G..
senza avere avuto nessun sinistro, quando mi hanno inviato il preventivo per il rinnovo di quest'anno, ero certo che il premio sarebbe stato più basso di quello dell'anno passato ( altrimenti che bonus-malus è??)
invece il preventivo è uguale a quanto avevo pagato l'anno scorso.
in culo al bonus malus..
telefono al numero verde e dopo aver dovuto chiamare diverse volte e passato decine di minuti in attesa, una delle addette mi ha dichiarato quanto segue.
"il premio che lei deve pagare è stato adeguato ad un riassetto di settore e le abbiamo (addirittura !!!) fatto uno sconto per farle pagare come l'anno scorso."
riassetto di settore?
e il bonus malus?
boh..
riaggancio e vado on line e mi faccio fare il preventivo dall'altra telefonica.
combinazione gli importi coincidono.
sarà il caso?
o c'è il rischio che dipenda da un accordo tra assicurazioni - come dicevo più su?
vedremo cose ne diranno i vari garanti e le associazioni di consumatori..


--------------------------------

qui la versione web della notizia da La Stampa on line

giovedì, aprile 09, 2009

Votare per l'Europa. E sentirsi fessi. di B. Severgnini

non posso che concordare con l'amaro articolo scritto da Beppe Severgnini a proposito delle prossime elezioni europee e di come i politici italiani stanno continuando nella loro abitudine di trattarci come fessi.
mi sa che seguirò il suo consiglio e non mi farò coinvolgere nell'ennesima farsa.

-------------------------------------------------------

qui la versione web dell'articolo da il Corriere della Sera on line

sabato, aprile 04, 2009

piedibus a Lecco? lo scopro sul NYTimes..

incredibile come nella società multi mediatica italica le notizie vere siano ormai un ricordo.
le prime pagine trattano solo di un numero chiuso di argomenti che hanno lo scopo di distogliere l'attenzione sul resto. la colpa della situazione? sicuramente politica ( grazie al conflitto d'interessi mai risolto) ma anche economica, cioè dovuta a qualche software gestionale di quelli che monitorizzano il "seguito" delle notizie pubblicate, che più sono seguite più sono appetibili per la pubblicità.
ricordo, in proposito, un incontro organizzato dalla Fnac dove un esperto del settore spiegava che in un primo tempo le boutades del nano pelato erano sempre in prima pagina perché tutti erano curiosi di vedere quale limite avesse superato questa volta, diventato così una "NOTIZIA" che vende... - ora c'è chi minaccia provvedimenti di censura su certe notizie forse perché la soglia della notorietà stava pericolosamente avvicinandosi a quella della consapevolezza della consistente dose di ridicolo che attornia il soggetto.

tutto questa apertura per informarvi che devo leggere sul NYTimes on line oggi che a Lecco, Italia, per combattere l'obesità dei giovani cittadini, sono stati aboliti gli scuolabus e inaugurati i piedibus: tutte le mattine un gruppo di volontari e di parenti ( a turno ) indossa la pettorina fluo d'ordinanza e accompagna un gruppo di studenti a scuola.
a piedi.
stupenda soluzione alla portata di tutti.
senza richiedere una legge che la regolamenti in Parlamento.
o un'interpellanza ad hoc.
tanto semplice che non molti l'hanno adottata ancora.
e chissà quante mamme continuano a portare a scuola i loro pargoli in SUV così da poter sfoggiare gli ultimi acquisti alle altre mamme..


------------------------------------
qui la versione web della notizia sul NYTimes on line di oggi (eng)

giovedì, aprile 02, 2009

G20 a Londra



qui il link ufficiale del summit
qui una serie di foto delle manifestazioni in atto da la Repubblica on line

la foto è su theSun on line

mercoledì, aprile 01, 2009

Wikipedia batte Encarta 2 - 0

qualche mese fa era successo che alcune pagine di Wikipedia erano state modificate in malo modo - e poi oscurate per rimodificarle da parte dei moderatori-e tanto era bastato per definire il più grande progetto open source di raccolta informazioni come non valido..

chi lo criticava erano probabilmente i soliti opinion maker di parte
magari gente ora a casa a giocare con il gadget che Microsoft avevo loro fatto pervenire per mettere in cattiva luce la concorrenza open source..

resta il fatto che lo stesso gigante dell'informatica ha annunciato ora la chiusura di Encarta e la dismissione delle vendite a partire da ottobre 2008.

spiace per gli intellettuali da bar che volevano fare i gradassi sui media e che sono stati rimandati al bar..


open source è libertà, pluralismo, condivisione, forza dei numeri.
è solo con l'ausilio di tutti che possiamo crescere, nonostante chi vive nella torre di Babele non voglia che si sappia in giro..


---------------------------

qui il link per la versione web della notizia da Tomshardware.com (eng)
qui il link per la versione web della notizia da la Stampa on line