domenica, marzo 29, 2009

GhostNet.. il fantasma cinese

scoperta, dopo l'investigazione portata avanti dal Information Warfare Monitor (IWM) che ha avuto l'ausilio degli informatici del gruppo di ricerca SecDev a Ottawa e del Munk Centro di studi internazionali dell'Università di Toronto, a cui era stata ordinata un'analisi dei sistemi informatici del Dalai Lama.
Dietro questa operazione di hackering sembra ci siano i Cinesi che usando i computer degli uffici del Dalai Lama si sono infiltrati in migliaia di computer di perrsonaggi influenti di tutto il pianeta.
Pechino smentisce coinvolgimenti.
Dalle ricerche risultano infettati i computer delle ambasciate dell'Iran,Banglasìdesh,Latvia,Indonesia,Filippine,Brunei,Barbados,
Buthan,India,Corea del Sud,Romania,Cipro,Malta,Tailandia,
Taiwan,Portogallo, Germania e Pakistan.

la più grande operazione di hackering mai scoperta.

a parte quelle fatte dalla Cia, presumo..

---------------------------------------------------

qui la versione web della notizia dalla BBC.co.uk on line (eng)
qui un report indipendente da Shishir Nagaraja, Ross Anderson della University of Cambridge (eng)
qui la versione web della notizia dal Corriere on line

Nessun commento: