venerdì, febbraio 20, 2009

caso Mills: i media insabbiano tutto

ancora un esempio, emblematico, di come la maggior parte dei media italiani siano manovrati da chi governa, da chi trama nel buio ( neanche poi tanto) sicuri di avere a che fare con dei personaggi (gli italiani) che nella maggior parte, di un quotidiano leggono solo le pagine dello sport e i programmi tv.
ieri la notizia è comparsa sui media con più o meno risalto a seconda della sudditanza, ( qui trovate un articolo da la Repubblica ndr) e riporto anche una parte del post di Grillo su come i media internazionali (qui il link per il Figaro on line e qui il link per l'Herald Tribune) abbiano scritto dell'inverosimile situazione italica in cui si condanna un avvocato per aver detto il falso in un'indagine che coinvolgeva il capo del governo e in cui lo stesso capo del governo, in piena reggenza presidenziale sul modello sudamericano, si faccia una legge per non essere condannato.

oggi la notizia è praticamente "sparita" dai media...

e gli italiani cosa fanno?
dibattono sugli ascolti di Sanremo, Il Grande Fratello, Amici e il campionato..

intanto la Corte Costituzionale sta ancora studiando il lodo Alfano.
non si sa ancora per quanto.
se aspettano ancora un poco non ci sarà più il problema della costituzionalità: avremo un partito unico e uno "statuto berluschino"...
e un Bar Sport* invece del Parlamento.
un Parlamento di fatto già ora esautorato senza opposizione.
qui il link per il post dal blog di Beppe Grillo on line

*= dove si potranno filnalmente e inpunemente fare battute come l'ultima sui desaparecidos argentini o dove si potrà apostrofare come "coglioni" chiunque non sia suddito di sua maestà..

imbarbariti.

------------------------------------------------------------------


Negli anni ' 70 il
Corriere della Sera era nelle mani della P2. Angelo Rizzoli, il proprietario, aveva la tessera 532, Tassan Din, il direttore generale, la tessera 534 e Franco Di Bella, direttore del giornale, la tessera 655. Oggi, anno 2009, chi controlla il Corriere della Sera? Chi suggerisce gli editoriali di Panebianco e di Battista? Chi ha ordinato a Mieli di togliere le inchieste giornalistiche di Why Not a Carlo Vulpio senza alcuna ragione apparente? Chi è la P3 che governa il Corriere della Sera? Dov'è la nuova lista di Castiglion Fibocchi?
Ieri,
tutti i giornali del mondo hanno riportato la notizia della condanna di Mills. L'avvocato corrotto da mister B. Hanno spiegato che lo psiconano non è stato giudicato per il lodo Alfano. Una legge che si è fatto su misura e che lo rende intoccabile. Hanno argomentato che nessun premier sospettato di corruzione per evitare la condanna in due processi sarebbe ancora al suo posto in un Paese normale, democratico, occidentale. Se non si fosse dimesso lo avrebbero cacciato. Leggetevi El Pais, The Guardian, Le Figaro,The Herald Tribune. La reputazione di un Paese è importante come e più della sua...

continua nel blog di Beppe Grillo



Nessun commento: