venerdì, ottobre 31, 2008

P2: Gelli ha già un'idea sul suo erede..

segnalo un articolo comparso su l'Unità di oggi ( e che trovate nella versione web a questo link ndr) nel quale, oltre ad una spiegazione sommaria dei fini di quella che il presidente Pertini chiamò "associazione a delinquere", scopriamo che l'erede naturale considerato da Gelli per l'attuazione del "piano di rinascita democratica" ( il piano che Propaganda Due voleva attuare per controllare il Paese ndr) è Silvio Berlusconi.
Tessera numero 1816 del 26 Gennaio 1978.

--------------------------------
qui la versione web della notizia da l'Unità on line
qui la versione web della notizia da la Repubblica on line

giovedì, ottobre 30, 2008

condono per ladri d'arte?

di recente ho seguito una lezione di diritto costituzionale all'università di Torino.
si trattava di regimi, intesi come complesso di valori che caratterizzano un paese, e abbiamo anche parlato di stato dei partiti, come evoluzione di concetto di stato.
attraverso quest'ottica le leggi varate per togliere le preferenze nel voto ( così come abbiamo fatto nelle ultime elezioni e come vorrebbe la legge scritta dalla maggioranza anche per le prossime elezioni politiche europee ndr) diventa un affidare al partito scelto candidare personaggi all'altezza della situazione per il compito assegnato loro.
e questa è una disamina del concetto.
che visto da sinistra si completa con le primarie che lasciano agli elettori decidere chi sarà a capo della coalizione.
visto da destra si completa con la sottomissione al più forte, visto che non fanno primarie.
però, se poi questi stessi partiti tendono a svolte autoritarie del tipo: mi avete eletto e comando io senza tener conto dell'opposizione ( come si sta verificando in Italia in questi ultimi mesi sovvertendo il concetto di democrazia ndr) o le persone scelte per ricoprire le varie cariche non sono altro che figure di comodo in mano a chi governa, bisogna che ripensiamo il metodo elettivo.
leggo su l'Unità che l'ex soubrette Gabriella Carlucci avrebbe firmato un emendamento per cui si depenalizzerebbe il possesso illecito di reperti archeologici anteriori al 476 ac.
intanto viene da chiedersi con quale criterio una signora che calcava i palcoscenici presenti emendamenti che possono distruggere il patrimonio storico italiano pubblico, e poi, anche per quale motivo viene presentato un emendamento del genere.
a chi giova?
a pro di che si fa un emendamento così?

aspettiamo risposte, intelligenti, dall'esecutivo.

----------------------------------------

qui la versione web della notizia da l'Unità on line

domenica, ottobre 26, 2008

L'Italia s'è desta



ieri 2.500.000 di italiani sono scesi in piazza per manifestare contro la politica del governo in carica.
e il leader della sinistra Veltroni è sceso tra la gente per proclamare un'opposizione che fermi le mire di onnipotenza dell'esecutivo.
Un esecutivo che non rappresenta l'Italia dei cittadini ma l'Italia delle corporazioni, degli interessi personali, dei potentati economici, delle leggi ad personam.
Un esecutivo che sembra stato scongelato da un frigo chiuso dal 1935,
con volontà da partito unico e potere accentrato.
Trattano i problemi del paese ripetendo in loop che sono stati causati dalla sinistra senza tener conto che molti dei problemi del paese sono figli di politiche instaurate con un 'ottica statalista ( che ora il nano vuole ripristinare ndr) e comunque iniziate negli anni 60/70 dalal Democrazia Cristiana.
Siccome tra quelli dell'esecutivo la maggior parte legge solo le pagine dello sport dei quotidiani, chiedere che abbiano una conoscenza della storia italiana sarebbe troppo, ma anche permettergli che impongano le loro ignoranze al paese , mi sembra fuori luogo.
E che le facciano addirittura stampare nelle pubblicazioni che spediscono, a spese dei cittadini, alla popolazione prima delle elezioni, almeno da repubblica delle banane.

Il paese che fu patria del diritto e che ha una costituzione come la nostra, che tutela la comunità da derive autoritarie, non può permettere che si manovri in questo modo con la scusa del bene del paese.

anche il balletto delle cifre che stavolta addirittura svarionano da 2.500.00 a 250.000 ( così, con una differenze di qualche milione di persone) è veramente ridicolo.
qualcuno alla Questura di Roma dovrà metter gli occhiali prima di sbilanciarsi nuovamente in stime imbarazzanti.

------------------------------

qui la versione web della notizia da l'Unità on line
qui la versione web della notizia da il Corriere della Sera on line
qui la versione web della notizia da Liberation.fr on line
qui la versione web della notizia da BBC.co.uk on line

Cossiga: l'età è una brutta bestia

mi vengono in mente certe scritte comparse sui muri quando era ministro dell'Interno qualche decennio fa..

Ministero salva Ilva da controlli inquinamento

quel genio della Prestigiacomo ha pensato bene di richamare i tecnici che stavano controllando il tasso di inquinamento da diossina del più grande stabilimento siderurgico d'Europa (l'Ilva di Taranto ndr) e li ha sostituiti con "tecnici di sua fiducia", ammettendo al tavolo del nucleo di coordinamento del ministero anche i tecnici dell'azienda da controllare.

siamo alla frutta se permettiamo che l'esecutivo confonda i compiti per cui è stato nominato.
l'esecutivo non è lo stato.
l'esecutivo è la parte legiferante dell'apparato statale ma non può pensare di possedere lo stato e disporne a suo piacimento, quasi fosse di sua proprietà.
l'Italia è degli italiani.
che modo di governare è?
la mattina cosa mangiano a colazione questi personaggi?
pane, volpe e olio di ricino?
davvero pensano di stare in corea del nord?


---------------------------------------

qui la versione web della notizia su la Repubblica on line

Banca Furbetti

segnalo questa interessante inchiesta, pubblicata su l'Espresso e scritta da Francesco Bonazzi, che attraverso l'analisi di documentazione riservata tra contratti, memorandum fiscali e analisi confidenziali sulla clientela italiana, fa luce su un disgustoso trading bancario destinato, con l'interpretazione truffaldina di regole fiscali, a evitare loro il pagamento di grossi importi altrimenti dovuti al fisco ( quindi a tutti noi..).

questi sarebbero gli istituti che l'esecutivo vuole tutelare con dei prestiti?

no grazie.

qui la versione integrale dal web dell'articolo da l'Espresso on line

sabato, ottobre 25, 2008

"L'Italia immobile" di Ernesto Galli della Loggia

interessante editoriale di Ernesto Galli della Loggia da il Corriere on line nel quale si fa un'analisi dei motivi per cui non riusciamo a uscire dal nostro compiacimento per un passato che da esperienza importante, ma già vissuta, è diventato prigione.


qui alcuni passi dello scritto che troverete nella sua interezza al link in fondo al post


PRIGIONIERI DEL PASSATO

L'Italia Immobile

di Ernesto Galli della Loggia
Un Paese fermo, consegnato all'immobilità: ecco come appare oggi l'Italia. Non già nella cronaca convulsa del giorno per giorno, nell'agitazione della lotta politica, nei movimenti sempre imprevedibili di una società composita, frammentata e priva di inquadramenti istituzionali forti. Ma un Paese fermo perché anche nelle sue élites prigioniero dei luoghi comuni, incapace di pensare e di fare cose nuove in modo nuovo, di sciogliere i nodi che da tanto tempo ostacolano il suo cammino....

continua

--------------------------------------

qui il link per la versione web del commento nella sua interezza dal sito de il Corriere della Sera on line

prima pagina de il Manifesto

il grano costa meno, la pasta di più

una nuova obbrobriosa scoperta ci viene da Altroconsumo e rimbalza sui media: mentre il prezzo del grano è sceso ( - 50%), la pasta costa di più (+ 20%).
quindi un bene primario come la pasta venduto a prezzi creati da un mercato non libero.
sembra che si sia costituito un cartello di aziende ( le più importanti) che si sono messe d'accordo per "drogare" il mercato e aumentare in blocco i prezzi al consumo.
la finanza senza regole ha prodotto gli effetti che abbiamo visto ( e che probabilmente aumenteranno la loro incidenza sulle nostre esistenze anche in futuro ndr ), e anche il capitalismo sembra non avere niente da invidiare ai comportamenti senza etica che stanno portando il mondo ad una svolta epocale.

dopo aver predicato per anni che il capitalismo ( e un certo modo di fare finanza di riflesso) poteva essere l'unica via percorribile per il progresso dell'umanità , scopriamo sulla nostra pelle che gli uomini lasciati senza regole sono più pericolosi dell'ideologia.

TRA L'ALTRO..
L'ANTITRUST COSA STA FACENDO?

mah..

------------------------------

qui la versione web della notizia da "il Corriere della Sera" on line

qui la versione web della notizia da "la Stampa" on line

venerdì, ottobre 24, 2008

l'opinione di Michele Serra

riporto un brano dell'editoriale di Michele Serra - uno degli esponenti più fervidi della satira italiana - da l'Espresso e relativa alle evoluzioni finanziarie del sistema bancario italiano ai tempi del nano

Qui di seguito alcune frasi dall'inizio dell'articolo

Mediobanca va in Brianza Ecco come si modificano gli assetti della finanza italiana con l'ingresso della famiglia Berlusconi. Che già pensa a un nuovo nome. Tra i papabili, Pierbanca e Banchissima

L'ingresso della famiglia Berlusconi in Mediobanca è destinato a modificare profondamente gli assetti della finanza italiana, e non solo di quella. Si passa dall'evo della vecchia borghesia educata e ipocrita a quello della nuova borghesia maleducata e sincera. La sede Per cominciare, la sede storica è stata giudicata inadeguata da Berlusconi: atterrando nell'angusta piazzetta Cuccia il suo elicottero ha decapitato alcuni passanti....

- continua -

qui l'articolo nella versione web e nella sua interezza da l'Espresso nella rubrica "satira preventiva" on line

negare sempre

come al solito dopo aver fatto una boutade arriva la smentita.
per fortuna che esiste la rete e anche tra i media qualcuno si ritrova una coscienza e qualche neurone libero così che non diventi tutto un teatrino che il puparo modifica a suo piacimento

qui le parole del Beluska ieri sull'invio delle forze dell'ordine nelle scuole.
regolarmente smentite oggi

ps: a proposito del penultimo ( in ordine di tempo ndr) "numero" del premier (quello che lo vede protagonista in Usa con lo sradicamento del leggio nello slancio amoroso per Bush) ho avuto il dispiacere di sentire che taluni, invece di sottolineare la evidente maldestria del personaggio, ne evidenziavano le capacità di recupero.
parlo, ad esempio, di quei 2 di radio deejay che trasmettono la mattina: la piaggeria non dovrebbe essere consentita a chi entra in contatto con milioni di persone.


mah..

giovedì, ottobre 23, 2008

sabato, ottobre 18, 2008

Berlusconi liberista? prima.. ora si scopre statalista

un'altra bella opinione di Berluska che arriva dal Financial Time:
nell'articolo del FT, si parla del fatto che il signore di Arcore sfoggia uno statalismo mai visto prima da parte del fu paladino del liberismo ( almeno fino a quando non era lui lo stato ndr..) e che, dal punto di vista di uno dei più grandi quotidiani economici al mondo, l'adulazione che alcuni quotidiani italici ha verso di lui può essere definita "nord coreana" ( in corea del nord c'è un dittatore/presidente perpetuo..)

qui l'inizio dell'articolo che troverete nella sua completezza al link alle pagine dell'Unità che aggiungo in fondo al post:


"Chi l’avrebbe mai detto. Berlusconi il liberale, il self made man, quello che ha sempre visto come fumo negli occhi lo Stato “oppressore” che tarpa le ali all’iniziativa economica, adesso parla di aiuti di Stato alle industrie italiane come «imperativo categorico». L’antifona l’avevamo già capita con il caso Alitalia: Berlusconi ha fatto scappare AirFrance e favorito l’acquisto da parte di imprenditori italiani promettendogli in cambio di stralciare dall’azienda tutti i debiti. E la bad company se l’è accollata lo Stato. Senza parlare del prestito ponte da 300 milioni di euro che il Cavaliere ha trasformato in finanziamento a fondo perduto, e per il quale l’Europa ci chiede ancora spiegazioni..."

continua al link qui sotto


mah..

---------------------------------

qui la versione web della notizia da l'Unità on line

qui la versione web della notizia da il Financial Times on line - in inglese
------------------------------------


qui vengono riportate le dichiarazioni di Veltroni sulla onnipresenza dell'esecutivo sui media da un articolo in versione web nel sito de la Repubblica on line ( incredibilmente proprio la Repubblica si è distinta negli ultimi mesi nel riportare sondaggi assurdi sul consenso riportato dal premier.. misteri dei media..)

venerdì, ottobre 17, 2008

proteste parlamentari



Ancora una volta l'elezione del nuovo giudice della Corte Costituzionale è sfumata.

------------------------------------

qui la versione web della notizia da l'Unita on line
qui la versione web della notizia da la Repubblica on line

camorra: a noi non danno nessuno fastidio..

terrificante video girato al liceo Scientifico ( alcuni degli intervistati si esprime in un italiano stentato.. chissà come sono gli studenti delle scuole tecniche..) di San Cipriano ( Casal di Principe) in merito allo scrittore Roberto Saviano .
solo uno tra la decina di studenti intervistati ha usato parole positive sullo scrittore..
Per il resto un susseguirsi di "e' uno scemo"," si doveva stare zitto", "si doveva fare i fatti suoi", " si doveva stare a casa sua","a noi la camorra non ci danno nessuno fastidio ( testuali parole ndr)", e "adesso i pulmini non ci passano più a prendere" (risulterebbe che una parte dei mezzi che portavano i ragazzi a scuola non aveva l'assicurazione e, a seguito dell'aumento dei controlli e del numero di forze dell'ordine nella zona verificatasi negli ultimi mesi, sono stati fermati, da cui la colpa dello scrittore.. ndr)
Sul finale addirittura ci viene proposta una teoria per la quale Saviano verrà ucciso dai servizi segreti e la sua morte strumentalizzata per far cadere la colpa sulla malavita organizzata che regna in quelle zone..

e queste sono le nuove leve, il futuro...


la guerra contro lo stato nello stato, lì, è forse già persa.

qui
( o cliccando sul titolo) trovate il video di cui parlo dal sito de la Repubblica on line

sei rom? niente fontanella!

incredibile episodio verificatosi a Roma, la Roma di Alemanno...
il minisindaco ( mi sa che la definizione mini dipenda non solo dai limiti fisici della sua giuridìsdizione ndr) Bonelli del IV municipio di Roma, in forza al Pdl e con un passato in
fronte della gioventù, An e Destra Sociale, ha fatto chiudere la distribuzione della acqua in 2 fontane una delle quali era vicina da un campo rom.
interrogato in merito il mini sindaco ha dichiarato che chiudere l'acqua ai rom non è razzismo e che farà "anche" un progetto di integrazione.. e alla constatazione del fatto che l'acqua è un bene di tutti replicava "appunto perchè è un bene di tutti l'ho fatta chiudere ( la fontanella ndr), la usavano in pochi..)
lascio al lettore giudicare la razionalità e l'acume di tali dichiarazioni e mi auguro che il buon senso ( concetto che sembra via via sparire dal vocabolario politico italiano ndr) aiuti a porre rimedio a queste azioni insensate.

mah..

----------------------------------------------

qui la versione web della notizia comparsa su Unita.it

arieccoci con le ad personam

dopo aver tentato inutilmente di far passare la salvamanagers ora arriva la salvabancarottieri.

questa compagine governativa sembra non conoscere tregua nello sfornare norme salva affiliati.
dopo aver infilato nella salva Alitalia di agosto un emendamento che avrebbe impedito di portare in giudizio i vari Cragnotti, Geronzi, Tanzi e compagnia bella ( una bella compagnia nutrita, in crescita negli ultimi anni..) ed essere stati scoperti con le dita nella marmellata, a distanza di qualche giorno ci riprovano.
attraverso una riforma strutturale del reato di bancarotta intendono raggiungere gli stessi scopi, i furboni.
fanno veramente impressione nella loro indifferenza per il rispetto degli interessi dei cittadini, del popolo che li ha votati.
in una democrazia rappresentativa questo tipo di azioni potrebbero far pensare che la maggioranza della popolazione è poco incline a seguire le norme che la costituzione stessa detta come sacre per il governo del paese.

non è così e non possiamo permettere che un manipolo di malintenzionati distrugga la nazione perseguendo i suoi interessi personali.

mah..

-----------------------------------

qui la versione web della notizia su Unita.it

lunedì, ottobre 13, 2008

Maramotti da l'Unità


per Carnevale seconda legge ad personam

spettacolare come questo governo tenda al regime, scavalcando le leggi a piacimento e a uso e consumo dei suoi affiliati..
il mitico Carnevale, quello che faceva invalidare i processi di mafia per banali vizi di forma, quello che aveva dato del cretino a Giovanni Falcone, perchè "certi morti io non li rispetto" ( parole sue ndr), se la Camera la confermerà, potrebbe concorrere per diventare, modificando la legge che decideva l'età massima, alla nomina per il posto di primo presidente della Cassazione, a 83 anni suonati.

l'attuale primo presidente andrà in pensione nel 2010.. e il signore con 2 leggi "ad personam" sarebbe il più anziano...

vergogna?
coscienza?
ho il dubbio che taluni non conoscano neanche l'esistenza - figuriamoci il significato - di queste parole..


mah...


qui la versione web dell'articolo de la Repubblica.it

-------------------------------------

ps: per chi non lo ricordasse il signore in questione si era pure meritato una strofa nella lirica di una canzone di De Gregori che recitava
".. si confonde la giustizia col carnevale.."
e il "carnevale" non era quello che si festeggia a febbraio..

sabato, ottobre 11, 2008

USA: Palin colpevole di abuso di potere

gli Stati Uniti hanno perso negli annni lo status di paese dove regna la democrazia.
A parte una loro marcata tendenza a "tentare" di esportarla - attraverso l'impiego dei carri armati, coprendo più o meno apertamente i loro interessi politico-strategici - il basso numero di elettori, e l'influenza delle lobby nella vita politico-amministrativa, hanno minato la credibilità dell'establishment americano.
Però..
Però la decisone di condannare la vice di Mc Cain e il suo rinvio al giudizio di una corte statale, presa dalla Commissione parlamentare dell'Alaska ( suo stato d'origine) dopo aver verificato le accuse di abuso di potere relative al licenziamento del responsbile della sicurezza pubblica dello stato di cui è governatrice - che si era rifiutato di licenziare l'ex cognato della Palin reo di aver intrapreso una dura causa di divorzio con la sorella - dimostra che, rispetto ad una paese come il nostro, sono sicuramente più democratici.

pensate se Bush si presentasse al Congresso con un disegno di legge come il Lodo Alfano?
Di certo qualcuno chiederebbe e otterrebbe l'impeachement.

E pensate se al Congresso americano sedessero dei pregiudicati.

E, un'altra amara considerazione: pensate se quel genio di Bush (figlio), durante il discorso alla nazione fatto di recente per rassicurare la popolazione sullo stato dell'economia del paese e presentare le mosse studiate per invertire la tendenza al ribasso, avesse parlato di possibile sospensione dei mercati - per poi smentire ndr - o avesse indicato come bene rifugio le azioni di qualche azienda statale..

anche in un paese "imperialista" come gli States la democrazia è più rappresentata e rappresentativa e i politici sono più preparati e meno "tipi da bar Sport"..

mah..


--------------------------------------
qui la notizia in versione web dal Corriere.it
qui la notizia in versione web da la Repubblica.it

-------------------------------------

qui un interssantissimo "dietro le quinte " dei politici italiani - correlato di svariati supporti video - dalla versione web del l'Unita.it, a cura di Alessia Grossi

venerdì, ottobre 10, 2008

Politecnico di Torino: wifi per l'Amazzonia

spettacolare risultato raggiunto con l'impiego di tecnologie a basso costo con fini benefici.
il Politecnico di Torino ha vinto il concorso internazionale indetto dalla Banca Mondiale dello sviluppo, per la produzione di una soluzione economica per migliorare la qualita della vita nelle aree più povere e a rischio dell'America Latina e dei Caraibi con il progetto di una rete WIFI potentissima ed economicissima.

complimenti vivissimi
bravi bravi bravi

qui il link per un approfondimento della notizia in versione web da la Repubblica.it
qui il link per il Politecnico di Torino

giovedì, ottobre 09, 2008

Google satellite: prime foto




la prima foto pubblicata che ci arriva dal satellite di Google.
scattata da 680 km, in orbita sul pianeta
con una risoluzione inferiore ai 41 centimetri ( questo il limite fissato dalla legislazione americana)
cliccando sul titolo potete vedere la foto a risoluzione 1 px.
si avete letto bene..
1 px.
se la salvate e la aprite con un programma di fotocomposizione potete zommarci dentro un poco.
immaginate cosa può fare una foto così a risoluzione 300 px..
o 3000 px..
non so che foto faccia un satellite..

fantastico anche se un poco pericoloso per la privacy..
del resto saranno decenni che i militari hanno una tecnologia simile e fanno foto simili o addirittura più dettagliate..
senza pubblicarle on line, però!

qui un articolo relativo in versione web su il Corriere.it

ps: una domanda..
ma con un "grande fratello" del cielo simile in mano ai militari, come mai si fanno ancora le guerre?

altro Lodo salva furbetti

Nell'articolo 7bis che modifica la legge Marzano sui salvataggi delle grandi imprese e quella sul diritto fallimentare del 1942, si nasconde un altro lodo..
una nuova legge ad personam per salvare gli amici dalla galera.
in base a questo emendamento, qualora l'azienda non si trovi in stato di fallimento, i responsabili non possono essere perseguiti penalmente per mala gestione aziendale.
quindi Tanzi ( il buco Parmalat, ve lo ricordate.. tutti questi risparmiatori sul lastrico per permettere a Tanzi e famiglia di vivere da re?) e Geronzi di Capitalia, e Cragnotti del crack Cirio e Giacomelli della PostalMarket.. potrebbero non essere giudicati.
Liberi e non responsabili dei danni causati a migliaia di onesti lavoratori che la mattina si alzano per andare a lavorare e avevano investito i loro risparmi nelle loro aziende - consigliati da quegli squali delle banche, altra bella razza...
e quei furboni dell'opposizione non hanno neanche notato questo articolo all'interno della legge salva Alitalia passata il 28 agosto alla Camera e al Senato il 2 Ottobre.
se non era per la mitica giornalista Milena Gabbanelli, e il suo staff che mettono in onda Report su Rai tre, l'unica rete ancora guardabile nel panorama dei media di regime italiani, tutto passava inosservato.
ma allora cosa ci vanno a fare quelli dell'opposizione al Parlamento?
a ritirare il gettone di presenza?

siamo nelle mani della Corte Costituzionale, l'ultimo garante della situazione italiana.
Sono rimasti l'unica speranza per arginare la valanga di leggi ingiuste ( vediamo cosa deciderà per il Lodo Alfano) che l'esecutivo sforna sempre più impunemente e che quella banda di personaggi inutili che dovrebbero fare l'opposizione non vede neanche passare.
L'ultimo baluardo per l'inefficienza di una compagine politica che dimostra tutta la sua sordida passione per il potere e l'accaparramento.
siamo alla fine delle repubblica?

FORZA CORTE COSTITUZIONALE.
FORZA GABBANELLI.
FORZA REPORT.

qui l'articolo dalla versione web de "la Repubblica"


ps: chi sa che fine ha fatto il disegno di legge per la "class action" che era in discussione con il governo Prodi?
in qualche cassetto probabilmente.
per un esecutivo più interessato alla tutela dei grandi gruppi che dei cittadini, discutere una legge che permetta di difendersi contro l'ingerenza degli interessi delle concentrazioni economiche sarebbe tempo sprecato..



AGGIORNAMENTI:
h 20.00
l'emendamento salva-manager sarà cancellato alla Camera
cominciano a fare con le leggi come fanno con le dichiarazioni e i sondaggi.
le smentiscono..
complimenti per la coerenza e la serietà.
il nano ha fatto scuola...

ancora GRAZIE GABBANELLI e GRAZIE REPORT
e FORZA CORTE COSTITUZIONALE

dalla Sicilia con furore



quel genio dell'assessore alla famiglia della regione Sicilia Francesco Scoma. onorevole del Popolo delle Libertà ( inteso come libertà di fare quello che gli pare impunemente..) si è aggiudicato il primato della Parentopoli siciliana.
pubblico la mappa delle ramificazioni della sua famiglia nell'organigramma della "regione" Sicilia che trovate in originale sulla versione web de "la Repubblica" di oggi.
nello stesso articolo ( che è linkato qui) trovate spiegato nello specifico l'impressionante intreccio del numero uno - e di altri della sua stessa forza - dei protagonisti di Parentopoli.

aspettiamo con ansia che il suo capo carismatico , Berlusconi. lo chiami a Montecitorio come già in precedenza fatto per Cuffaro e per il sindaco della città di Palermo ( in bancarotta) che rischiavano di essere giudicati per i loro reati...

bel gruppetto..

martedì, ottobre 07, 2008

referendum Base USA a Vicenza



senza voler per forza pensare male dei media italiani che l'hanno completamente oscurato, pubblico i risultati del referendum tenuto ( nonostante il parere contrario del Consiglio di Stato) lo scorso week end per sapere cosa pensavano i cittadini di Vicenza dell'allargamento della base americana nel loro territorio.
i risultati sono nella foto che allego e li trovate all'indirizzo web del presidio permanente No Dal Molin (qui)

anche in una delle roccaforti della Lega Nord prevale il diktat dell'esecutivo.
certo che sono strani questi leghisti..
si comportano come i democristiani assetati di potere che avevano tanto criticato quando hanno cominciato la loro azione politica..

qui trovate il testo completo dell' interessante punto di vista di cui riporto il titolo e poche frasi di seguito

Lega nord, giullare di corte
Dicevano “paròni a casa nostra”, ma sono servi dei paròni."....

postato sul sito del presidio permanente NoDalMolin.it

sabato, ottobre 04, 2008

forza Vicenza



leggo dell'iniziativa della giunta di Vicenza di fare il referendum contro l'ampliamento della base americana nonostante il parere contrario del Consiglio di Stato.
per finanziare il progetto si sono autotassati.
referendum autogestito.


bravi.bravi.bravi.bravi.bravi.bravi.bravi.bravi.


qui la notizia versione web da l'Unita.it.
qui il link per il presdio permanente NO Dal Molin ( dove si possono anche monitorizzare i voti del referendum)
qui potete dare la vostra preferenza al referendum on line