lunedì, marzo 03, 2008

BKK

15 febbraio 2007


38 gradi e solo 6 minuti di connessione per spiegarveli

grosso salto dai 3 gradi sopra zero dell’Inghilterra..

ierei sudavo come un vitello qualunque cosa facessi.. sul pullman che mi portava in centro sono certo di avere lasciato una laghetto di sudore per terra ..

oggi meglio, anche perche ho evitato di mettere qualunque cosa potesse dare una mano al caldo a farmi impazzire ( bermuda, maglietta e ciabatte..)

ora ne mancano 3..

per dirvi.. la tailandia e cambiata..

ora nelle zone dove fino a pochi anni fa i turisti erano una minoranza, non si capisce se sono i tailandesi che vengono a vedere i turisti come si comportano o viceversa..

famiglie..

bambini con le treccine rasta..

i nuovi , anzi i vecchi figli dei fiori della mia generazione che ora sulla quarantina, sposatisi tra di loro, allevano figli ribelli e chiassosi (e rompicolgioni).

tutti figli dell’ Emile di Jean-Jacques Rousseau

tutti con le treccine da rasta.

padri madri figli

finte.

fatte con l’extension.

ore sotto i ferri di improvvisate parruchiere thailandesi con negozi al lato della strada.

a 40 gradi.

sembra questo il trend in zona.

in paga io mi sono fatto quasi rasare.

e vaffanculo.

ah e poi tutti con i bermuda mimetici.

tutti.

russi,argentini,italiani,nordeuropei.. di tutto di piu’

un gruppo di italiani ieri sera nello stesso internet point da cui stavo scrivendo ha chiamato nonna ( sorda) il cugino Igor ( che parlava troppo forte) un non definito “duro”, amici ecc attraverso Skype e con la strana consapevolezza di non essere capiti perche lontano da casa hanno cominciato a raccontare di tutto di piu’, dal tipo di pantaloncini in jeans con la cerniera di lato che avevano trovato per non so quale nipotina, al caldo, alla speranza di tornare presto per mangiare la pasta che “qui non la sanno fare”..

boh

avro’ mica fatto tutte queste ore di aereo per niente..

Nessun commento: