sabato, dicembre 29, 2007

finalmente la class action

da luglio anche in Italia sarà possibile fare delle "class action".
per chi non si fosse informato o non ne avesse letto in aniticipo, le class action consiste, qualora si presenti l'occasione, di riunire una serie di denunce sotto una stessa egida, così da aumentare il potere di controbattere.
La class action serve per difendersi dai colossi finanziari e induatriali, quelli che dispongono di fondi illimitati per difendersi contro le cause e che come singolo cittadino è impossibile battere, anche se si sta dalla parte della ragione.
il riunirsi di centinaia di cause sotto lo stesso patrocinio permette di velocizzare il percorso giuridico e di poter utilizzare studi di legali adeguatamente attrezzati per discutere con quelli della controparte.
attraverso la class action in USA si sono potute vincere cause contro giganti come la Coca Cola, le major del tabacco, le case automobilistiche, aziende di telecomunicazioni, MacDonald, assicurazioni,case farmaceutiche ecc costringendoli, se in difetto, a pagare cifre notevoli e a modificare il loro modus operandi.
Negli Usa, dove gli avvocati non sono una casta come da noi e che, nella maggior parte dei casi, vivono di percentuali sugli indennizzi che riescono a garantire ai loro clienti, in alcune occasioni le class action sono diventate veri e propri incubi per le mega aziende.
Nel BelPese prima di poter fare una class action bisognerà passare al vaglio di una commissione che dovrà verificare la correttezza delle richieste e se il gruppo di facenti causa ha capacità di rappresentanza ( modifica sul progetto di legge iniziale voluta dalla Confindustria ndr).
Speriamo che ciò non sia un'ostacolo all'applicazione della class action.
Comunque, ci sono buone probabilità che da Luglio 2008 potremo difenderci in "prima persona" ( pagando le spese associative e le spese legali) contro i colossi finanziari, e, se vinciamo, dividerci il rimborso.
fantastico.


qui il link per un articolo comparso sulle pagine web de "il Corriere della Sera"

Nessun commento: